Trumpeace?

Qui, nel nostro piccolo paese dall’altro lato dell’oceano, vedo tanto sgomento e delusione per la recente elezione di Donald Trump e la sconfitta di Hillary Clinton. Premesso, con tutto il dovuto rispetto per i cittadini comuni di quel paese, che la politica americana mi preoccupa a prescindere dal nome del presidente eletto, per quanto ne so, nessuno tra i due contendenti mi ha ispirato particolare fiducia.

Senza avventurarmi in analisi politologiche che non mi competono, da osservatore comune senza un punto di vista privilegiato, posso limitarmi a formarmi un’opinione attraverso quanto riportato dai giornali in questi mesi.

Mi viene difficile immaginare che un milionario che ha passato la vita ad accumulare denari per sè, possa avere a cuore gli interessi degli altri. Allo stesso modo, sento una naturale repulsione per una donna che, stando a quanto riportato dai giornali, dichiara una forte propensione all’interventismo americano in politica estera — traducete pure in guerre — e si fa portavoce di interessi sinistri. Vedi la lugubre alleanza con l’organizzazione abortista Planned Parenthood.

Archiviati i proclami da campagna elettorale, che per buona parte lasciano sempre il tempo che trovano, per ora mi baso sulla prima dichiarazione pubblica del neo-eletto presidente:

Mentre terremo sempre al primo posto gli interessi americani, andremo d’accordo con tutti. Su questo posso rassicurare tutti i Paesi. Con tutte le persone e con tutte le altre Nazioni. Cercheremo una base comune di dialogo, non l’ostilità, non lo scontro.

Anche ai tempi dell’infelice Bush Junior si immaginava un disimpegno americano in politica estera e poi sappiamo come sia tragicamente andata a finire. Con tutte le riserve possibili, ad oggi, con Trump è dichiarata un’intenzione in controtendenza con la tipica impostazione guerrafondaia americana. Da modesto italiano, che vive dell’altra parte dell’oceano, me la faccio bastare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.